Goddesses in Everywoman by JSB: Review

Le Dee Dentro La Donna di Jean Shinoda Bolen: Recensione

Le Dee Dentro la Donna di Jean Shinoda Bolen: Recensione

Pagina dopo pagina, noi donne prendiamo forma. Esposta, illuminata e rivelata in tutte le nostre ombre e luci, in Le Dee Dentro la Donna, Jean Shinoda Bolen tiene in mano uno specchio in cui ci vediamo chiaramente riflesse. Siamo le dee dell’antico mito, incarnate in forma umana. Vergini, vulnerabili e alchemiche, eccoci tutte noi, magnetizzate dalla brillante visione binoculare di Bolen, in cui la psicoanalisi Junghiana incontra il femminismo in un caleidoscopio unificato ma complesso di carattere e crescita personale.

Le Dee Dentro la Donna è stato pubblicato per la prima volta nel 1985. La copertina della mia copia è contrassegnata come edizione del 30° anniversario. 38 anni dalla sua prima stampa! E durante tutto il libro non riuscivo a smettere di pensare: “Com’è che lo sto leggendo per la prima volta adesso?

Le Dee Dentro la Donna: Andando Oltre Jung

Che siamo tutti anime uniche e belle, questo è scontato. Ma condividendo la saggezza acquisita attraverso la conoscenza e la pratica, Bolen rivela come, dall’infanzia in poi, siamo guidati da potenti archetipi che fanno parte della nostra coscienza collettiva da oltre 3000 anni.

Ci presenta sette dee significative, olimpioniche di prima e seconda generazione, le cui caratteristiche individuali sono state frammentate dall’unica e unificata Grande Dea che ha preceduto il patriarcato. In tal modo, Bolen espande la visione limitata della femminilità proposta da Carl Jung.

Jung ha teorizzato che qualità come la competitività, la strategia e l’intellettualismo fossero semplicemente espressioni dell’animus di una donna, o della parte maschile della sua psiche, e quindi non veramente sua. Ma gli archetipi della dea, dice Bolen, ci raccontano una storia diversa. Questi tratti “maschili” sono e sono sempre stati un aspetto naturale della psicologia femminile intrinseca di una donna. Le Dee Dentro la Donna, quindi, ha liberato generazioni di donne dalle narrazioni e dalle strutture che minerebbero la nostra autostima e ci consegnerebbero a una gamma limitata di ruoli.

Goddesses in Everywoman: Italian & English editions.

Gli Archetipi della Dea: Vergine, Vulnerabile e Alchemica

Dei sette archetipi di divinità che vengono presentati, troviamo che uno o due sono dominanti nel nostro carattere, alcuni sono assenti, mentre altri sono attivi solo in particolari periodi della nostra vita.

Artemide, Atena ed Estia sono le dee Vergini. Trovando realizzazione attraverso l’autonomia, questi archetipi “una-in-sé” sono competitivi, strategici e saggi. Non hanno alcun desiderio trainante per una relazione intima con un uomo, né per la maternità. Significativamente, non sono mai stati controllati o maltrattati dal mito patriarcale in cui sono nati. Ma il lato oscuro della loro indipendenza era il distacco emotivo che, sotto pressione, diventava spietatezza, mancanza di empatia e inettitudine sociale.

Hera, Demetra e Persefone sono le dee Vulnerabili. Profondamente realizzati attraverso i loro ruoli di mogli, madri e figlie, questi archetipi sono amorevoli, premurosi e ricettivi. Attraverso le loro relazioni, hanno esplorato l’intera gamma di emozioni, dagli alti stati di beata unione fino all’orrore degli Inferi. Il lato oscuro della loro apertura era l’indifferenza, e furono rapiti, violentati, traditi e maltrattati dagli dei maschi.

Afrodite, da sola, è la dea Alchemica. Il suo senso di appagamento deriva dalla passione, dalla bellezza, dalla sensualità e dalla libera espressione della sua sessualità. Afrodite era l’amante irresistibile e l’incarnazione divina della pace, dell’amore e dell’armonia. Attraverso la lente del suo sguardo, tutti si sono trasformati, credendosi esclusivi amati. Ma il lato oscuro della passione di Afrodite era l’incapacità di impegnarsi, la promiscuità e la cecità alle conseguenze delle sue azioni.

È importante sottolineare che Bolen ci ricorda costantemente che gli archetipi sono esattamente questo: “modelli di essere e di comportarsi che riconosciamo dall’inconscio collettivo che tutti condividiamo”. Noi, invece, siamo donne vere che vivono nel mondo, dovendo fare delle scelte che possono incidere sul corso della nostra vita. Il riconoscimento cosciente di quale archetipo di dea è dominante nelle nostre vite può aiutarci a evitare i problemi che sorgono quando gli viene dato libero sfogo.

“Gli archetipi esistono al di fuori del tempo, indifferenti alla realtà della vita di una donna o ai suoi bisogni. Quando le dee esercitano un'influenza, la donna come eroina deve dire sì, o no, o ``non ora`` alle richieste. Se non esercita una scelta cosciente, subentrerà uno schema istintuale o archetipico. Una donna ha bisogno di ``resistere al potere dell'orso`` e tuttavia onorare la sua importanza per lei... ``

Attivare la Dea in Tè

Piuttosto che essere guidati passivamente, Bolen ci invita a essere le eroine della nostra stessa storia e ci mostra come farlo. Per “crescere oltre” le sfide, dobbiamo conoscere intimamente i nostri archetipi. Bolen ci introduce prima alla genealogia e alla mitologia di ciascuna dea, che pone le basi per i tratti caratteriali e gli schemi comportamentali che sono specifici di ciascuna. Quindi presenta in dettaglio come possiamo riconoscere il dominio di una dea durante le varie fasi della nostra vita. L’infanzia e le nostre relazioni genitoriali, l’adolescenza e la prima età adulta, il lavoro e la carriera, i rapporti con le donne e con gli uomini, la sessualità, il matrimonio, la mezza età e gli ultimi anni sono tutti contestualizzati secondo gli archetipi.

Infine, Bolen mostra come, “attivando” particolari dee nella nostra psiche, possiamo minimizzare quelle che stanno sfuggendo di mano. Possiamo trasformare la sopraffazione in equilibrio e la confusione in chiarezza. Possiamo rafforzare le caratteristiche deboli o mancanti e muoverci, in ultima analisi, verso l’individuazione, la totalità.

Risorgendo con la tua Dea Interiore

Quale dea è prominente in te? Vergine, Vulnerabile o Alchemica? Sorella o stratega? Madre, figlia, moglie, amante o donna saggia? O sei un misto di tanti?

Mi sono ritrovato in Artemide, quando ero un bambino capriccioso, selvaggio e curioso. Mi vedevo come Persefone durante quei difficili anni dell’adolescenza, e come Afrodite, quando da giovane ero fiorente, sessuale e creativa. Mi riconosco ora in Era, felicemente sposata con il mio uomo eletto. E ora, mentre attraverso il ponte verso la menopausa e desidero più tempo per la spiritualità e la tranquillità, mi ritrovo affermata in Hestia.

E poi c’erano tutti le altre. Ho scoperto le dee in mia madre, nelle mie sorelle, nelle mie nipoti e nelle mie amiche. In tutte le versioni, le età e i cambiamenti ormonali che si mescolano e si amalgamano per creare ciò che siamo, siamo tutti lì.

Mentre esplori gli archetipi in Le Dee Dentro la Donna, rimarrai affascinato dal modo in cui i loro profili psicologici sono così riconoscibili in te stesso e in tutte le donne che conosci.

Questo riconoscimento è potente. Altera la nostra prospettiva. Ci apre alla compassione e all’empatia. E ci solleva più in alto.

Leggi di Più da Il Libro delle Vie

Guarigione Generazionale: Cos’è e Come Sapere Quando l’Abbiamo Fatto?

La Meravigliosa Trama di Tutto di Robin Wall Kimmerer – Recensione

“Dubita di Tutto: Trova la Tua Luce” – Ciò che disse veramente il Buddha.

Angelina Brazzale

Angelina Brazzale is the founding creative director of Empress and Sister. Like her chart ruler, Mercury, she travels between worlds. She has degrees in English Literature and in Fine Arts, Ceramics. She's a Primary Health Coach, having reversed autoimmune disease through the protocols of ancestral health. She spent over 10 years teaching yoga and meditation. She reads Tarot, writes and makes art, and is sensitive to the energy in crystals and trees. Visit her Page in the Empress and Sister Collective for information, products and services.

No Comments

Post a Comment